Povertà

 

Negli ultimi anni la diffusione sempre maggiore dei fenomeni di povertà ed esclusione sociale impongono l’adozione di misure efficaci di contrasto alla povertà e la riaffermazione dei diritti della cittadinanza sociale.

La situazione di disagio, dovuta all’esclusione sociale, pregiudica soprattutto il segmento socialmente attivo della popolazione costretta a confrontarsi con il disagio derivante da condizioni di precarietà ed instabilità occupazionale e che nel contempo sopporta il gravame di cura derivante dalle incombenze assistenziali relativo a minori e persone non autosufficienti.

Detto panorama richiede l’attivazione di politiche di inclusione sociale strutturali ed efficaci. Il ruolo dei servizi sociali professionali risulta sotto questo profilo decisivo. Il consolidamento e l’efficientamento dei servizi di accesso e della presa in carico costituiscono la chiave strategica per il successo di appropriate ed efficaci politiche di inclusione sociale.

Per tali ragioni l’Azienda ha posto in essere diverse azioni con l’obiettivo di ridurre il numero di famiglie in condizione di disagio economico. A tale scopo sono stati programmati percorsi di inclusione attiva e di reinserimento socio-lavorativo attraverso la presa in carico delle famiglie da parte del servizio sociale professionale.

In tale ottica si inseriscono anche i progetti programmati delle misura Sia, poi REI ed oggi del reddito di cittadinanza con le misure di accompagnamento “patto per il lavoro” e “patto per l’inclusione sociale”.

 

CONTATTI

Per ottenere informazioni più dettagliate in merito ai servizi di quest’area è possibile contattare l’Azienda Consortile:

  • Telefonicamente al numero 0825 872441, interno 4 – servizi domiciliari e povertà
  • Per email all’indirizzo info@pianosociale-a1.it